Viaggio nel cibo: Bulgaria

La Bulgaria, meravigliosa perla dell’Est Europa, è anche tesoriera di una vasta ed articolata cultura culinaria. I piatti sono generalmente composti da ingredienti semplici e facilmente reperibili quali pomodori, melanzane, patate, formaggio e yogurt.

Proprio lo yogurt è un ingrediente fondamentale nella cucina bulgara. Con esso, difatti, è preparata la celeberrima zuppa fredda (consumata specialmente nei mesi estivi ma reperibile in qualsiasi stagione nei luoghi di ristoro) chiamata Tarator.  La Tarator è composta da cetrioli grattugiati, aglio, noci pecan e, ovviamente, yogurt. Quest’ultimo, nel paese, è consumato quasi esclusivamente nella sua versione salata rispetto alla versione dolce cui siamo abituati in Italia.

Anche le insalate sono una componente importante nella cultura culinaria della Bulgaria. La più famosa è la Shopska, a base di pomodori, cetrioli e formaggio che, con i suoi colori, richiama quelli della bandiera nazionale. La Ovcharska, detta anche “insalata del pastore”, invece, come anche suggerisce il nome, è composta da uovo sodo, pomodori, cetrioli, peperoni, prosciutto e funghi. Con le patate, altro ingrediente immancabile nella cucina balcanica in generale, è prodotta la Kartofena Salata, unite a cipolla, prezzemolo, sale e olio. Tutte le insalate (ma possiamo dire qualsiasi piatto in generale) sono accompagnate dal liquore tipico, la Rakìa, chiamato a riscaldare gli animi dei buongustai nei freddissimi inverni dell’Est.

Alimento “bandiera” del paese è però, senza dubbio, la Banitsa, rotolo di pasta tipo fillo ripiena di formaggio fresco chiamato Sìrene, consumata calda a colazione, accompagnata da una bevanda, unica nel suo genere, detta Bozà. Questa curiosa bevanda dal sapore deciso e forte è preparata mediante la fermentazione del grano.

Non mancano, per finire, i dolci, quasi sempre molto prestanti dal punto di vista calorico. Le Palachniki, delle crepes “a pasta spessa” (quindi molto più grosse e spugnose rispetto a quelle tradizionali) ripiene di cioccolato, sìrene, marmellate e così via; La Baklava, di origine turca ma molto popolare in Bulgaria, fatta di pasta fillo bagnata in sciroppo di zucchero e ripiena di noci e frutta secca in generale; Il Tikvenik, fatto con la stessa pasta della Banitsa e ripieno di zucca, zucchero, noci e cannella, consumato generalmente durante le festività natalizie.

Un mondo, quello della Bulgaria, tutto da scoprire e visitare non solo con occhi, piedi e cuore ma anche con le papille gustative.  Добър апетит!/ Dobur apetit (Buon appetito!).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...